"L'arte della Guerra". di Sun Tzu

Delle primavere e degli autunni..

Sun Tzu e le eterne battaglie dell’uomo

Riccardo Fioroni

Riccardo Fioroni

Curioso di natura, mi piace tutto quello che non conosco. Unica eccezione le assicurazioni, di cui scrivo e di cui sono appassionato, pur conoscendole!

18 Giugno 2021

“DELLE PRIMAVERE E DEGLI AUTUNNI. Sun Tzu e le eterne battaglie dell’uomo”

 

Se dovessimo riassumere in una frase il libro  “L’Arte della Guerra”, sarebbe proprio con il titolo dell’articolo.

 

Un nome così delicato designa in realtà un periodo storico molto complesso per la Cina.

 

Dopo 800 anni, la Dinastia Zhou sta perdendo il suo potere. Quello che era iniziato come un’intercessione divina (il cosiddetto “Mandato del Cielo”, rivendicato dalla dinastia per convincere tutti che gli dei approvassero la loro salita al potere), finisce con l’essere minacciato dai barbari e da alcune popolazioni che vivevano nelle latitudini più ostili della Cina, tanto che la capitale viene spostata da Hao a Luoyang.

 

Una leggenda, e come tale va presa, dice che all’origine dell’invasione della capitale, ci fosse uno scherzo dell’Imperatore.

 

Per far ridere e conquistare la sua concubina Bao Si, finse che dei barbari stessero attaccando le mura della città, e chiamò urgentemente tutte le guardie a difenderle.

 

Arrivate e non vedendo nessuno, si stupirono.


Le loro facce sbigottite fecero ridere a crepapelle Bao Si, che si legò all’imperatore e i due vissero felici.

 

…Fino a che i barbari non arrivarono davvero, e quella volta nessuno gli credette.

 

Lo spostamento della capitale indebolisce la dinastia Zhou, innescando numerose guerre tra i capi militari delle egemonie più potenti per conquistare il potere, che porterà al periodo “Dei Regni Combattenti”.


In quel periodo nacquero le “Cento Scuole di Pensiero”, tra cui Confucianesimo e Taoismo, dove filosofi si accasavano nei regni per discutere il miglior modo di affrontare questo clima di incertezza.

 

 

Fatta questa premessa, prendete uno shaker da barman, metteteci tutto dentro, agitate bene e bevete tutto d’un sorso.


L’Arte della Guerra” di Sun Tzu è un drink nato dalla miscelazione di quanto detto sopra. Non è un semplice trattato marziale, quanto più una filosofia.


Il pensiero del libro è applicabile a molti aspetti della vita, come l’economia e la conduzione degli affari.

 

Tutt’oggi è usato per la strategia di molte aziende nel mondo, che ne utilizzano la sua parte più vicina alla risoluzione dei problemi decisionali, ma è fonte d’ispirazione anche per sviluppare la piena coscienza di sé e di quello che si sta affrontando.


La “Guerra”, prevede sempre che ci sia un nemico con cui combatterla, ma non specifica quale!


Per questo il libro è arrivato ai giorni nostri …chi è il nostro nemico, un esercito di barbari? Un’azienda? Noi stessi?


Qualunque esso sia, andrà sempre bene, anche perché l’assunto del libro non è quello di combattere, ma di vincere ancora prima di iniziare.


Il libro si divide in 13 capitoli che si rifanno ognuno ad uno specifico aspetto della guerra.

 

Il primo tra questi, è una sorta di vademecum in cui ci sono delle valutazioni di base sul pensiero strategico.

 

I fondamenti della guerra sono ne La Legge Morale, ovvero “il Sentiero”, l’energia indomabile; nel Cielo, il fattore climatico; nella Terra, il fattore morfologico; nel Comando, la virtù della conoscenza e della valutazione; nella Dottrina, la corretta comprensione dei problemi pratici e logistici che comporta ogni azione.

 

“Sii veloce come il vento; lento come una pianta; aggressivo come il fuoco; immobile come una montagna; inconoscibile come lo yin; irruento come il tuono..”

 

Nella sua praticità, il libro forma il corpus del “pensiero strategico”, che è composto da alcuni fondamentali:

 

il Fine della tua battaglia, se essa porterà a qualcosa e quindi come il tuo obiettivo futuro può influenzare il tuo presente.

 

l’Analisi. E’ necessario analizzare punti deboli e virtù di una situazione per poterla affrontare al meglio (ad esempio, se devo trasferirmi in un’altra città, che rischi corro, quali potrebbero essere i miei vantaggi?).

 

la Preparazione. Quanto siamo in grado di difenderci dai pericoli della battaglia?

 

l’Energia. Disperdere le nostre forze solo in azioni che ci daranno un sicuro vantaggio (potrebbe essere un proto-metodo lean?) 

 

l’Esecuzione. Mettere in pratica il nostro piano nel miglior modo possibile non lasciandolo solo all’aspetto teorico.

 

l’Adattabilità. Prendere coscienza che non esiste una strategia valida per ogni battaglia, ma le circostanze cambiano costantemente, e un generale che non modifica di conseguenza le sue strategie, è destinato a fallire. Le aziende che sono inflessibili nel loro ambito lavorativo, spesso vengono scalzate da aziende che riescono ad adeguarsi al contesto e all’andamento del mercato.

 

lo Studio delle regole. “Il generale vincitore prima della battaglia, fa molte riflessioni nella sua tenda. Il generale che perde, fa pochi calcoli in anticipo”. Per quanto possa sembrare confusionario il contesto del campo di battaglia, ci sono delle regole essenziali che se eseguite ed applicate aumentano le possibilità di una vittoria.

 

In qualunque ambito della vita vuoi migliorare, ci sono dei principi che possono aiutarci a raggiungere ciò che vogliamo.

 

Il testo di Sun Tzu delinea i confini intorno all’argomento della guerra, e li proietta nell’universo simbolico del ragionare umano.

 

Se fosse stato un semplice bugiardino bellico, il testo non sarebbe sopravvissuto ai secoli, invece è arrivato fino a oggi perché parla di noi, delle nostre eterne contraddizioni e delle innumerevoli guerre che ci troviamo ad affrontare quotidianamente.

 

E’ il libro giusto per chiunque voglia raggiungere un obiettivo nella vita o nel lavoro, dal manager all’artista, passando per qualunque ambito.

 

Qualunque sia la tua battaglia, puoi cominciare a vincerla comprando il libro qui sotto!

 

Buona lettura! 😉

Articoli recenti

l'arte guerra sun tzu

99books : L’arte della Guerra. di Sun Tzu

Il testo di Sun Tzu delinea i confini intorno all’argomento della guerra, e li proietta nell’universo simbolico del ragionare umano. Se fosse stato un semplice bugiardino bellico, il testo non sarebbe sopravvissuto ai secoli, invece è arrivato fino a oggi perché parla di noi, delle nostre eterne contraddizioni e delle innumerevoli guerre che ci troviamo ad affrontare quotidianamente.
E’ il libro giusto per chiunque voglia raggiungere un obiettivo nella vita o nel lavoro, dal manager all’artista, passando per qualunque ambito.

Read More »
vento

“Chi costruisce muri, chi mulini a vento”

E’ stato istituito un giorno in cui l’energia eolica viene celebrata con eventi organizzati in tutto il mondo nei quali circolano informazioni sul suo potere, sulle possibilità che offre e sul suo contributo per la salute dell’ambiente.
Il 15 Giugno è stato ufficialmente dichiarato il GLOBAL WIND DAY.

Read More »