TIKT(AL)K: Come parlare di assicurazioni sui social del momento

Riccardo Fioroni

20 Gennaio 2021

Nel “Piccolo Principe” di Antoine de Saint-Exupery,è rimasta molto famosa la frase che la volpe rivolge al principino,dicendogli che “L’Essenziale è Invisibile agli occhi.” Nel 2021,potremmo riadattare la frase del libro dicendo che “l’essenziale è ciò che è fruibile nel minor tempo possibile”, e questo spiegherebbe la crescita esponenziale di social che diffondono contenuti “lampo” all’utenza che li usa.

 

Questa “New Wave” dell’informazione in Internet è rappresentata sicuramente da TikTok. Il social cinese è nato nel 2016 dopo che i due fondatori Alex Zhu e Luyu Yang hanno rinunciato alla loro idea originaria di promuovere video didattici in cui ognuno, attraverso video molto brevi, poteva insegnare ed imparare qualcosa all’utenza; non ebbe il successo sperato e così spostarono la loro attenzione su un target adolescenziale, cercando di creare un social che unisse al contempo musica e video.

 

Così nasce Musical.ly, che dopo l’acquisizione della società cinese ByteDance, diventa TikTok. Nel 2020 supera il miliardo di utenti in tutto il mondo, risultato raggiunto in meno di quattro anni. Il grande potere intrattenente del social è dovuto, oltre che dalla corta durata dei video, al fatto di utilizzare un’intelligenza artificiale che analizza gli interessi e le preferenze manifestanti dagli utenti dell’applicazione, in modo da poter personalizzare i contenuti proposti. Intrattenere con ciò che piace all’utente crea un circolo vizioso in cui è difficile non rimanere invischiati. Si stima che l’utente medio passi 73 minuti al giorno su questa piattaforma.

 

Il tempo passato su TikTok ha portato più di qualcuno ad interrogarsi su questi dati. E se qualcuno provasse a usare il social non solo per diffondere video leggeri e allegri, ma anche come “tramite” per comunicare qualcosa? Come ad esempio gli Uffizi di Firenze e ai maggiori musei al mondo che si sono aperti un account TikTok, offrono uno scorcio particolare su curiosità artistiche e alcune opere importanti. Ma l’arte non è l’unica cosa che può riscontrare successo su TikTok. Sempre più persone affrontano anche argomenti più pratici come, ad esempio, le assicurazioni.

 

E’ possibile parlare di assicurazioni su TikTok, magari facendo incuriosire le persone e creando una cultura assicurativa? La risposta è sì. In Germania specialmente, sempre più broker e agenzie aprono canali TikTok dove fare video “flash” dove parlare di questi argomenti.

 

Un caso eclatante è quello che riguarda Robin Kiera, CEO di Digitalconsulting, che ha un canale di oltre 47 milioni di visualizzazioni, dove parla di argomenti finanziari, professionali e assicurativi. Tante volte basta un piccolo pretesto buffo per creare un seguito. Una volta un utente ha chiesto se fosse una buona idea mettere i suoi risparmi su una Mercedes AMG, e un pò rammaricato Robin rispose in un video con un “Diggi noooo” (Diggi in tedesco può essere tradotto con “fratello”),ed il video è diventato subito virale con decine di migliaia di visualizzazioni. Da allora, le risposte a chi chiede consigli sono sempre confidenziali e divertenti, Robin Kiera è stato soprannominato ironicamente “CEO of Diggi” e ha aperto un piccolo negozietto di merchandising online che ha avuto un largo seguito.

 

Il social negli ultimi tempi è diventato sempre più maturo, con un pubblico che per il 38% supera i 25 anni. Quindi definirlo come un prodotto esclusivamente fatto per la Generazione Z può essere un autogol. La creazione di contenuti “virali” e flash, può essere un ottimo espediente per educare e intrattenere. Lo scopo di Kiera, anche se non ha ancora venduto assicurazioni su TikTok, era dimostrare che è possibile raggiungere una larga fetta di pubblico anche con argomenti un po’ più complessi, basta trovare il canale giusto.


Pur con un’utenza limitata alla lingua francofona, comunque è evidente come con un giusto pretesto si possa creare seguito anche su argomenti più complessi come le assicurazioni e fare educazione digitale. Qualche volta basta solo una piccola idea. Anche un po’ irriverente. Dopotutto l’essenziale è invisibile agli occhi. Ma una buona idea la vedono tutti.

 

Noi di 99bros ancora non abbiamo un account TikTok, ma mentre aspetti i nostri video virali, perché non dai un’occhiata alle nostre polizze? Potremmo avere qualcosa che fa al caso tuo!

Articoli recenti